Impianti civili

Installazione e manutenzione di caldaie e climatizzatori. Sanificazione a ozono e igienizzazione ambienti

Climatizzazione

Utilizziamo le migliori tecnologie grazie ai continui aggiornamenti e studi nel settore di riferimento, realizzando impianti civili tecnologicamente avanzati e a basso consumo, conformi a tutti gli standard qualitativi più elevati e destinati a durare nel tempo Siamo rivenditori ed installatori Daikin autorizzati di impianti di climatizzazione estiva ed invernale e di condizionamento dell’aria. Progettiamo e realizziamo impianti su misura, pensati per rispondere ad ogni esigenza impiantistica della clientela. La nostra azienda mette a disposizione del cliente un’esperienza decennale nel settore degli impianti civili di climatizzazione e trattamento dell’aria, per realizzare soluzioni su misura per ogni cliente al fine di soddisfare l’esigenza di un microclima ideale degli ambienti dove le persone vivono e lavorano.

Il nostro obiettivo è garantire il benessere delle persone dando al cliente le condizioni ambientali ottimali in termini di temperatura, umidità e qualità dell’aria; se la temperatura esterna è troppo elevata, un adeguato impianto di climatizzazione consente di creare le condizioni di vivibilità degli ambienti e, allo stesso tempo, quando le temperature esterne sono troppo basse, l’impianto di climatizzazione crea all’interno delle mura domestiche il tepore ideale per la vostra famiglia.

La Brasili Comfort segue il cliente fin dalla fase di progettazione, rispondendo al meglio ad ogni esigenza. Progettare un impianto civile significa prendere in considerazione diversi fattori in modo tale che il tutto possa essere fruibile e funzionale, partendo da un’attenta valutazione dei locali da climatizzare, al fine di installare un impianto in armonia col design pre-esistente, evitando possibili dispersioni di calore.

Isolamento Termico

L’isolamento termico è un insieme di interventi strutturali per ridurre i consumi energetici di un edificio.

L’isolamento termico ha tre scopi fondamentali:

  1. “eliminare le perdite”, abbattendo per conseguenza i costi inutili;
  2. creare le condizioni per rendere efficaci e redditizie le attività di azzeramento della spesa energetica (es.: installazione di pompe di calore);
  3. creare le condizioni per utilizzare macchine termiche meno potenti (e meno costose nella gestione);

Gli interventi che possono fornire un valido aiuto alla riduzione dei consumi energetici e che possono essere realizzati senza particolari difficoltà su ogni tipo di edificio, sono di diversa natura:

  • installazione di serramenti efficienti
  • coibentazioni di tetti
  • coibentazione di solette
  • coibentazioni di pareti verticali, opache e trasparenti
  • rivestimenti esterni “a cappotto”
  • installazione di impianti di ricambio aria a recupero totale di energia

A titolo informativo, si consideri che un buon isolamento termico è, di norma, in grado di determinare un risparmio effettivo pari ad almeno il 50% dei consumi correnti, nonché un sostanziale miglioramento delle condizioni di benessere abitativo e di comfort, eliminando muffe, umidità e creando una corretta circolazione dell’aria

Come le persone, anche gli edifici riscaldati, durante la stagione fredda, possono essere protetti da un vero e proprio “cappotto”.

Si tratta di un rivestimento esterno, realizzato con differenti tipi di materiale isolante (EPS, sughero, fibra di legno, lana di roccia, silicato di calcio o altro) che ha lo scopo di coibentare termicamente e acusticamente l’edificio.

La tecnica consiste nell’applicare sulle pareti, mediante appositi sistemi di fissaggio, dei pannelli isolanti che, successivamente, vengono ricoperti da una rete apposita (chiamata rasatura armata), sulla quale viene poi applicato l’intonaco.

I pannelli debbono essere costituiti da materiali in grado di garantire una corretta traspirazione.

Per gli interventi di isolamento termico è possibile detrarre il 65% della spesa dall’IRPEF e dall’IRES usufruendo di IVA agevolata al 10%.

Per rendere confortevole e salubre l’attività all’interno di edifici ben isolati e a basso consumo è ASSOLUTAMENTE INDISPENSABILE equipaggiare l’edificio con un sistema di ventilazione meccanica controllata.

Fotovoltaico

L’impianto fotovoltaico, consente di trasformare in energia elettrica la luce del sole.

Il suo funzionamento è semplice: i pannelli fotovoltaici producono energia (a corrente continua) dai raggi solari e la inviano ad un apparato elettronico chiamato “inverter”, che serve a trasformare questa energia in corrente alternata, cioè a renderla utilizzabile per i normali usi domestici.

Poiché i pannelli producono energia esclusivamente durante il giorno, l’elettricità non immediatamente utilizzata viene, per così dire, immagazzinata nella rete pubblica, dalla quale potrà essere prelevata durante la notte.

Durante il giorno :

  1. viene consumata direttamente parte dell’energia prodotta;
  2. la parte di energia non consumata viene immessa nella rete pubblica.

Durante la notte :

  1. l’energia necessaria viene prelevata dalla rete pubblica.

Secondo le normative in vigore, se la quantità di energia immessa nella rete pubblica risulterà superiore all’energia prelevata, il titolare dell’impianto realizzerà un ricavo in denaro corrispondente alla quantità di energia non prelevata.

Un impianto fotovoltaico di buona qualità, correttamente dimensionato, può tranquillamente produrre l’energia necessaria per almeno trent’anni.

er installare sul proprio tetto a falde un impianto domestico di 3 kWp, generalmente in grado di soddisfare i consumi annuali di una famiglia-tipo, sono necessari circa 15 mq. di spazio disponibile, ovvero 5 mq per ciascun kWp installato.

E’ ancora importante sottolineare che i pannelli fotovoltaici sono sicuri e rispettano l’ambiente: non generano campi elettromagnetici, non producono emissioni di alcun tipo e non attirano i fulmini.

Come le foglie dell’albero, sono costituiti da componenti riciclabili e non tossici: silicio, vetro, materiale plastico, alluminio, rame e stagno.

Il loro eventuale smaltimento, in base a quanto prevedono le normative vigenti, può essere effettuato senza problemi, alla stregua di normali apparecchi elettrici o elettronici

L’impianto fotovoltaico, rientra tra le spese detraibili dall’IRPEF al 50% per le ristrutturazioni edilizie con l’IVA agevolata al 10%.

È possibile immagazzinare l’energia elettrica prodotta con un IMPIANTO FOTOVOLTAICO CON ACCUMULO DI ENERGIA.

IMPIANTO FOTOVOLTAICO CON ACCUMULO DI ENERGIA

Un impianto fotovoltaico con accumulo di energia ha gli stessi componenti e lo stesso sistema di funzionamento di un impianto fotovoltaico standard, con, in più, la possibilità di accumulare, durante il giorno, l’energia elettrica necessaria per il funzionamento dell’utenza in regime notturno.

Mattina: L’energia prodotta dall’impianto FV viene utilizzata per l’ottimizzazione dei consumi. L’energia in eccesso viene utilizzata per caricare le batterie.

Pomeriggio: Con le batterie completamente cariche il sistema alimenta l’autoconsumo e l’energia in eccesso viene immessa nella rete.

Sera: Dopo il tramonto, il sistema commuta automaticamente e mette a disposizione l’energia proveniente dalle batterie.

Notte: Se la capacità della batteria è insufficiente a soddisfare il proprio consumo, l’elettricità viene prelevata dalla rete pubblica.

Il cuore del sistema di accumulo è l’inverter che, oltre a trasformare la corrente continua in alternata, è dotato di un sofisticato sistema automatico di gestione integrato dell’energia e del suo utilizzo. Esso decide, in base alla produzione di energia elettrica solare, allo stato di carica delle batterie e ai consumi elettrici se:

  1. Alimentare direttamente le utenze;
  2. Caricare le batterie di accumulo;
  3. Inviare la corrente elettrica in eccedenza nella rete pubblica;
  4. Assorbire corrente elettrica dalla rete pubblica.

Solare Termico

Si definisce impianto solare termico un sistema che assorbe l’energia solare per riscaldare dell’acqua. Esso è costituito da uno o più pannelli solari posizionati generalmente sul tetto, e , di norma, inclinati ed esposti a sud, che assorbono l’energia termica del sole per riscaldare un fluido vettore. Il fluido viene inviato ad uno scambiatore di calore che riscalda un serbatoio di acqua calda che di norma viene utilizzata come acqua calda sanitaria, attraverso un sistema di tubazioni ed elettropompe.

In alcuni casi, specialmente nel centro-sud Italia, può essere utilizzata per come integrazione al riscaldamento a pavimento radiante o per il riscaldamento dell’acqua di una piscina.

Una centralina elettronica gestisce automaticamente tutto il processo di captazione e trasformazione del calore del sole.

I pannelli solari termici si distinguono dai pannelli solari fotovoltaici perché captano l’energia solare per produrre acqua calda, mentre i pannelli fotovoltaici captano l’energia solare per produrre energia elettrica.

L’impianto solare termico, essendo ad energia rinnovabile, usufruisce della detrazione fiscale del 65% con l’IVA agevolata al 10%.

Trattamento Acqua

L’acqua, per quanto buona e potabile, se eccessivamente satura di calcio ed altri elementi, rischia di apportare danni sia all’organismo, sia agli elettrodomestici che sfruttano l’acqua per fare le loro funzioni (lavatrici, lavastoviglie, boilers etc).

L’addolcitore è un sistema di purificazione dell’acqua domestica, volto essenzialmente a ripristinare i giusti livelli di concentrazione degli elementi responsabili della sua durezza; ha lo scopo di abbassare la durezza dell’acqua riducendo il contenuto di sali di calcio e magnesio, mediante l’utilizzo di particolari resine a scambio ionico.
L’UTILIZZO DI ACQUA DI RUBINETTO DEPURATA È UN VANTAGGIO ECONOMICO

Inoltre, secondo la normativa vigente, per tutte le categorie di edifici è obbligatorio trattare l’acqua dell’impianto termico nei casi di nuova costruzione e ristrutturazione di edifici esistenti (solo per ristrutturazioni totali), nuova installazione e ristrutturazione di impianti termici e sostituzione di generatori di calore.

Nei casi sopra indicati occorre intervenire mediante trattamento chimico di condizionamento o di addolcimento (a seconda della potenza dell’impianto)

Pompe di calore

La pompa di calore (p.d.c.) è semplicemente un climatizzatore che funziona al contrario, e quindi , invece di raffreddare, riscalda. La tecnologia è nata da quando sono stati messi a punto i sistemi di condizionamento.

In breve un climatizzatore sposta del calore da un ambiente interno all’esterno con l’ausilio del ciclo frigorifero. Una pompa di calore è un climatizzatore che d’estate funziona come tale e , d’inverno, inverte il suo ciclo frigorifero, producendo calore.

La pompa di calore assorbe calore da un ambiente dove ne è presente una quantità infinita e rinnovabile, come l’aria, l’acqua, la terra e lo pompa all’interno dei locali da riscaldare. Nella pompa di calore NON sono presenti le antieconomiche resistenze elettriche e NON viene bruciato nessun combustibile. Il sistema trasferisce semplicemente il calore da un ambiente esterno ad un ambiente interno, per riscaldarlo. Non essendo presenti fiamme libere e gas esplosivi, la pompa di calore è una macchina estremamente sicura, e per questo non necessita di centrali termiche dedicate alla sua installazione.

Inoltre è definita come sistema di riscaldamento rinnovabile ed ecologico perché non utilizza combustibili fossili e quindi non emette inquinanti, ma attinge semplicemente calore dal sole, che è fonte di energia rinnovabile e inesauribile.

TIPOLOGIE DI POMPE DI CALORE
In base alla fonte inesauribile di calore dalla quale il sistema trae energia termica, si definiscono le seguenti tipologie di macchine:

  1. POMPE DI CALORE AEROTERMICHE o AD ARIA
    1. Il calore per il riscaldamento viene attinto dall’aria esterna. Il sistema è costituito da una unità esterna che preleva il calore dall’aria esterna e da una o più unità interne che lo diffondono nei locali da riscaldare.
  2. POMPE DI CALORE GEOTERMICHE
    1. In questo caso il calore viene attinto dall’acqua di una falda o dal terreno con sonde geotermiche, orizzontali o verticali, che assorbono il calore dal terreno. Questo calore è a bassa temperatura e viene mobilitato, attraverso il circuito frigorifero, per riscaldare dell’acqua o dell’aria, a temperature variabili tra i 30°C e 65°C.

RENDIMENTI (C.O.P.)
Il rendimento della pompa di calore, ossia l’energia termica globale resa dal sistema in rapporto all’energia elettrica assorbita, si definisce C.O.P. (Coefficient of Performance). Questo coefficiente può variare da 3 a 6 in base alla qualità del prodotto, e alle condizioni termiche della sorgente di calore.

POMPE DI CALORE: INFORMAZIONI TECNICHE RENDIMENTI (C.O.P.)
Il C.O.P., coefficient of performance, di una pompa di calore è stato definito nell’articolo intitolato pompe di calore e rappresenta il rendimento della macchina: è sempre superiore ad 1 (di solito da 3 a 6) perché il sistema assorbe energia elettrica per alimentare il circuito frigorifero in esso contenuto; il gas refrigerante contenuto nel circuito frigorifero preleva il calore dall’ambiente esterno per riscaldare quello interno. Il C.O.P. della pompa di calore è tanto più elevato quanto più è bassa la temperatura del fluido di riscaldamento, sia esso aria od acqua. Per questo motivo la tecnologia della pompa di calore raggiunge i suoi massimi rendimenti quando il fluido riscaldante si trova a temperatura intorno ai 30÷35°C. Sul mercato attuale esistono già efficienti ed affidabili pompe di calore in grado di riscaldare acqua per termosifoni oltre i 70°C. In questo caso il rendimento è inferiore rispetto a pompe di calore che alimentano impianti di riscaldamento a pavimento radiante o ad aria a bassa temperatura.

SETTORI DI APPLICAZIONE
La tecnologia della pompa di calore sostituirà gradualmente nel decennio 2010 ÷ 2020 la tecnologia di riscaldamento tradizionale a combustibili fossili. Inoltre con lo stesso impianto è possibile ottenere anche la climatizzazione estiva, con considerevole economia nei costi di primo impianto e di gestione. La tecnica di costruzione garantisce, per prodotti di qualità, un grado di affidabilità nettamente superiore alla tecnologia della condensazione, con ridottissimi interventi di manutenzione. La pompa di calore viene utilizzata sia nel settore edilizio privato e terziario, come ad esempio case, uffici, banche, centri commerciali, centri residenziali, ospedali, alberghi, negozi, ristoranti etc, che in applicazioni industriali. In questo caso si può recuperare il calore di scarto derivato da processi produttivi per riscaldare stabilimenti o palazzine uffici.

LA POMPA DI CALORE E L’AMBIENTE
La pompa di calore non consuma combustibili fossili. Nel caso sia abbinata ad impianti fotovoltaici essa è al 100% funzionante con energia rinnovabile. Attualmente è la tecnologia più ecologica e rinnovabile per il riscaldamento. Le macchine di nuova generazione e di qualità raggiungono dei rendimenti molto elevati, che consentono notevoli economie di gestione rispetto a sistemi di riscaldamento / raffrescamento tradizionali.

AGEVOLAZIONI FISCALI PER POMPE DI CALORE
Esse sono, in caso di sostituzione di un vecchio impianto, detraibili sino al 65%, con IVA agevolata al 10% proprio perché sono a basso consumo e ad impatto Ambientale Zero.

Caldaie a condensazione

La combustione chimica di combustibili solidi e liquidi per il riscaldamento produce anche la formazione di acqua, che viene evacuata sotto forma di vapore acqueo nei fumi di combustione, qualora la temperatura degli stessi sia superiore ai 100°C.

Una caldaia a condensazione produce fumi di combustione ad una temperatura inferiore ai 100°C e che può arrivare anche a valori prossimi a 30°C.

In questo caso il vapore acqueo prodotto dalla combustione condensa, restituendo alla caldaia il calore latente di condensazione.

Da questo fenomeno deriva il termine “caldaia a condensazione”, che per l’appunto deve essere dotata di uno scarico condensa.

Il recupero del calore latente di condensazione produce un aumento di rendimento della caldaia, rispetto alle tradizionali, di oltre dieci punti percentuali.

Esistono in commercio caldaie a condensazione che possono raggiungere rendimenti pari al 109%.

Il riscaldamento con questa tecnologia produce quindi un sensibile abbassamento dei costi di gestione dell’impianto, essendo essa la più performante tecnologia di combustione tecnicamente conosciuta esistente oggi sul mercato.

Questa tecnologia è applicabile sia all’uso di termosifoni che del riscaldamento a pavimento

Rifacimento bagni

Rinnova il tuo bagno, senza pensieri.

Brasili comfort ti propone il tuo nuovo bagno chiavi in mano.

Preventivi gratuiti, e pacchetti studiati per ogni esigenza, di gusto e di prezzo

Ogni pacchetto comprende:

  • opere murarie
  • opere elettriche
  • sanitari
  • arredo bagno
  • rubinetterie
  • rivestimenti e molto altro ancora.

Tutti i pacchetti sono modulabili, a seconda dei propri gusti ed esigenze